Strumenti personali

Biblioteca di Scienze del Farmaco
Polo di Scienze, Farmacologia e Scienze farmaceutiche
This is just a brief note

Sezioni

Tu sei qui: Home / USA LA BIBLIOTECA / contenuti-usa-la-biblioteca / Sicurezza

Sicurezza

ultima modifica 26/03/2020 14:44

Tutela della salute e della sicurezza in Biblioteca

Primo soccorso
Il primo soccorso è l'insieme delle azioni che permettono di aiutare una o più persone in difficoltà, nell'attesa dell'arrivo dei soccorsi qualificati.
In biblioteca è disponibile un pacchetto di medicazione contenente le dotazioni minime stabilite nell'Allegato 2 al DM 388/2003 (PDF). È inoltre disponibile una cassetta di primo soccorso contenente le dotazioni minime stabilite nell'Allegato 1 al DM 388/2003 (PDF), presso la portineria di Largo Meneghetti, 2 (Edificio C - ex Dipartimento di Farmacologia). L'uso dei presidi medici è riservato al personale addetto. In caso di necessità chiedere ai bibliotecari.

I numeri di telefono degli addetti alle squadre di emergenza e di primo soccorso sono esposti in biblioteca e nella portineria di largo Meneghetti, 2.

La Biblioteca dispone di 79 posti di lettura e 3 postazioni informatiche, calcolati in base alle norme sulla sicurezza.
Il pubblico della biblioteca è invitato a non spostare le sedie da una sala all'altra e a lasciare sempre liberi corridoi, vie di fuga e uscite di sicurezza.

A seguito dell’individuazione di uno stato di emergenza (incendio, fuga di gas ecc.)
si deve :
avvisare immediatamente uno dei seguenti soggetti:
• C.I.V.I.S (servizio di vigilanza 24 ore ) (049 827 3838)
• un addetto delle squadre di emergenza del proprio edificio,
• la portineria di edificio ( se presente)
• un proprio responsabile;
• i Vigili del Fuoco se le circostanze lo richiedono o non si reperiscono i soggetti
sopraindicati (115)
Successivamente tutto il personale dovrà:
• sospendere la propria attività;
• mettere in sicurezza le attrezzature: se possibile salvataggio file e/o stacco prese
e abbandonare la zona rapidamente;
• se ci si trova in locali/zone diverse dalla propria postazione di lavoro, evitare
cercare di raggiungerla ma abbandonare la zona dall’uscita più vicina;
• se ci si trova in locali/zone diverse dalla propria postazione di lavoro, evitare di
cercare di raggiungerla ma abbandonare la zona dall’uscita più vicina;
• nell'abbandonare i luoghi di lavoro non devono essere portarti al seguito oggetti
voluminosi, ingombranti o pesanti (borse, notebook, ombrelli, ecc.)
• se ci si trova in locali/zone diverse dalla propria postazione di lavoro evitare di
cercare di raggiungerle ma abbandonare la zona dall’uscita più vicina;
• non attardarsi per recuperare oggetti personali o altro e/o per osservare il
comportamento di altri;
• aiutare i colleghi disabili o altre persone in difficoltà;
• avvisare gli addetti all’emergenza nel caso in cui un disabile abbia difficoltà a
raggiungere il punto di raccolta (gli addetti si occuperanno di portarlo in un luogo
facilmente raggiungibile dalle squadre di soccorso dei Vigili del Fuoco)

In caso di infortunio
In caso di infortunio durante lo svolgimento delle ordinarie attività eseguire le
seguenti procedure:
a. Eseguire personalmente o con l’aiuto di qualche collega le medicazioni necessarie
in caso di lesioni lievi e superficiali utilizzando il materiale di medicazione presente
nelle apposite cassette di pronto soccorso.
b. In caso di infortunio per il quale sia richiesto l’intervento medico avvisare
immediatamente il servizio di portineria (se disponibile), o il proprio responsabile o
un addetto al primo soccorso. Sarà valutato se accompagnare l’infortunato in
ospedale o chiamare l’emergenza sanitaria.
c. Se non presenti i soggetti di cui al punto b) chiamare il Servizio di Vigilanza CIVIS
( 049 827 3838) per permettere l’accesso dei mezzi di soccorso;
d. Se per qualsiasi ragione non si è in condizioni di telefonare premere uno dei
pulsanti per attivazione di allarme presenti nell’edificio, questo attiverà il servizio di
vigilanza.
Si ricorda che in caso di infortunio registrato presso il pronto soccorso o da medico, copia
dei referti deve essere consegnato in Direzione per la registrazione dell’evento nel
registro infortuni.

In caso di terremoto
• Non precipitarsi all’esterno.
• Collocarsi in vicinanza dei punti più “solidi” della struttura quali pareti portanti,
architravi, vani delle porte ed angoli.
• Tenersi lontano da tutto ciò che può cadere addosso con grave danno ad esempio
dai vetri, scaffalature, impianti elettrici a soffitto.
• Trovare riparo sotto le scrivanie e i tavoli.
• Nell’allontanarsi dall’edificio muoversi con prudenza e procedere tenendosi contro
i muri.
• saggiare pavimenti, scale e pianerottoli, poggiandovi prima il piede
• NON USARE accendini e/o fiammiferi o altre fiamme libere per la possibile
presenza di fughe di gas.
• Una volta fuori dello stabile, allontanarsi da questo e da altri vicini.
• Cercare di portarsi in ampi piazzali, lontano da alberi di alto fusto e da linee
elettriche aeree, e restare in attesa che l’evento venga a cessare.
• Se si rimane intrappolati cercare di segnalare la propria presenza a intervalli
regolari.

Avvertenze tratte da: Informativa per la gestione delle emergenze
[all'indirizzo: https://www.dii.unipd.it/servizi/sicurezza il 26/03/2020]

In evidenza

    Collage di immagini con segnaletica di sicurezza: in caso di emergenza mantenere la calma e dirigersi verso l'uscita di sicurezza-in caso di emergenza non usare l'ascensore-uscita di sicurezza-punto di raccolta-cassetta di primo soccorso-frase di anonimo "Meglio perdere un minuto nella vita che la vita in un minuto"

Testo Unico sulla Sicurezza e sul Lavoro (TULS), Ministero del lavoro e delle politiche sociali (PDF)
Mappe (PDF)